• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Corridoio degli strumenti

E-mail Stampa PDF

ITALIANO

Oltre il cancello in ferro battuto che costituisce l’ingresso al Laboratorio, si apre un vano lungo e stretto in cui abbiamo collocato gli strumenti tradizionali per la filatura come la gramola, la rocca, il fuso, l’arcolaio, l’aspo, il dipanatore, il mulinello la cui datazione si aggira intorno la fine dell’800 e i primi decenni del ‘900.
Abbiamo ricostruito un telaio primordiale verticale a pesi e un telaio orizzontale a tensione simile a quello utilizzato dalle popolazioni picene nel VI sec. a.C. e di cui si hanno recenti testimonianze dagli scavi nel sito di Numana (AN) conosciuto come “La tomba della Regina”.
Lungo le pareti è rappresentata una delle varie fasi della lavorazione artistica tessile della tradizione popolare e una collezione di motivi decorativi tes
suti con l’antica t ecnica dei “liccetti” (sec. XIII- XIV).video

ENGLISH

- THE CORRIDOR OF TOOLS AND MEMORY

The wrought iron gate of the workshop’s entrance opens into a long narrow room in which we have placed the traditional tools for spinning such as the flax brake , the distaff, the spindle, the spinning wheel, the niddy-noddy, the yarn swift, the bobbin winder which dates back to the end of the 1800’s to the beginning of the 1900’s.

We have reconstructed an ancient vertical loom with weights and a horizontal tension loom similar to the one used by the Piceni populations in the 6th century BC and for which there are recent testimonies from the excavations in the archeological site of Numana (AN) known as “La Tomba della Regina” (“The Tomb of the Queen”).

Along the walls is displayed a photographic documentation of the various stages in the artistic weaving workmanship of folk tradition and a collection of decorative designs woven with the antique weaving method of “liccetti” (13th -14th cent.).

 

DSCF3730

 


Innaugurazione Lunedì 8 Dicembre


marche eccellenza artigiana



Powered by Digital Working